Seguici sui nostri social

25 giugno 2018

Organizzazione dei tavoli al ricevimento? Ecco 4 consigli utili!

Eccoci qui, l’abito è scelto, la location è perfetta, i cadeau sono in fase di decorazione, fioraio contattato, idem il fotografo, parrucchiere scelto, truccatore pure, partecipazioni spedite o consegnate, cenni di adesione ricevuti…

Cosa manca?

Un piccolissimo particolare: l’organizzazione dei tavoli al ricevimento.

Carissimi sposi, questo è il momento di mettere da parte l’entusiasmo e sfoderare tutte le vostre conoscenze in termini di:

  1. Storie personali di parenti (di entrambe le famiglie), amici colleghi e vari
  2. Psicologia e psichiatria
  3. Sociologia
  4. Party planning

Vediamo perché.

  1. Conoscenza delle storie personali di parenti (di entrambe le famiglie), amici colleghi e vari: E’ necessario che prima dell’organizzazione dei tavoli, vi muoviate con estrema delicatezza e, laddove necessario, di gossip furioso. La zia Evelina potrebbe aver litigato con lo zio Alfredo e scatenare l’inferno se costretta a condividere con lui il tavolo. Immaginate, a seguito di tre brindisi, cosa potrebbe accadere. Ergo non provate in alcun modo ad utilizzare il vostro matrimonio come occasione di pacificazione, potrebbe rivelarsi fatale!
  2. Conoscenze di psicologia e psichiatria: tutti hanno amici o parenti con qualche problema emotivo. Non che questi debbano influire sul vostro matrimonio, ma onde evitare scene di psicosi collettiva, evitate di sollecitare più del dovuto l’emotività di qualche invitato/a nell’organizzazione dei tavoli.
  3. Sociologia: la distribuzione dei parenti (e dei relativi tavoli) è preferibile che sia programmata in modo da tenere vicini tutti i parenti di lui e tutti quelli di lei, in modo da favorire l’interazione naturale e il divertimento di tutti, idem per amici/colleghi
  4. Party planning: se ad aiutarvi non ci sarà nessun professionista, è bene che sappiate che i bambini vanno intrattenuti in qualche modo. Fate in modo che ci siano degli animatori qualificati e non improvvisati, che i più piccoli siano seduti insieme sì da evitare genitori stressati, pianti e capricci disperati e fughe collettive.

Queste competenze vi serviranno affinché vi sia un clima rilassato e disteso, in modo da consentire a tutti una piacevole serata senza incomprensioni e litigi.
Vi sfuggirà certamente qualcosa, ci sarà certamente l’invitato scontento, ma ve ne farete una ragione. E’ importante infatti che al momento dell’arrivo degli ospiti alla location non vi siano stravolgimenti del tableau mariage, che non faranno altro che creare spiacevoli momenti di confusione e nervosismo.

Organizzatevi, quindi, in modo da impedire qualsiasi cambiamento, salvo che per motivazioni importantissime.

In bocca al lupo!

25 giugno 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 + 1 =